Napoli Monumentale, a spasso tra i castelli

Napoli Monumentale è il tour giusto per conoscere la Napoli più elegante con il suo complesso monumentale: partendo da Piazza del Plebiscito, si ammireranno i monumenti più superbi della città, come Palazzo Reale, Teatro San Carlo, Castel Nuovo. Queste sono alcune delle opere realizzate dalle principali dinastie che hanno regnato a Napoli durante il suo glorioso passato. Il percorso Napoli Monumentale svelerà la Napoli regale dei diversi secoli, fino a raggiungere il luogo dove tutto ebbe inizio con l’approdo dei fondatori della città e dove nacque il mito della Sirena Partenope, l’isolotto di Megaride.

La città di Napoli possiede ben 4 castelli, siti in zone distinte della città e con storie e origini diverse. Il più noto e caratteristico è sicuramente il Castel dell’Ovo, la cui sagoma è una prerogativa inconfondibile della città e del suo lungomare. Sorge sull’isolotto di Megaride, popolato sin dalla nascita di Napoli, circondato dal Borgo Marinari, e la sua origine è fissata intorno al dodicesimo secolo, con la edificazione di una rocca poi ampliata dai Normanni e dagli Angioini. La mole imponente del Maschio Angioino, o Castel Nuovo, sovrasta invece la vasta Piazza Municipio, varco di accesso al porto, ed è il primo monumento in cui ci si imbatte arrivando a Napoli dal mare. Costruito nel tredicesimo secolo dagli angioini, fu poi rinnovato dagli aragonesi nei secoli successivi.

Un altro dei simboli della città di Napoli è il Palazzo Reale con la piazza del Plebiscito. Il palazzo, costruito durante il periodo vicereale, per volere del viceré conte di Lemos, in occasione di una visita a Napoli del re Filippo III, fu progettato dall’architetto Domenico Fontana. Al suo interno vi è un Teatrino di corte, di costruzione settecentesca, la cappella Reale e un monumentale scalone d’onore, costruito nel 1651 da Francesco Antonio Picchiatti. Nelle nicchie sulla facciata del palazzo, nel 1888, furono collocate le statue dei re di Napoli, al fine di giustificare la dinastia sabauda come continuatrice delle case regnanti a Napoli nei secoli precedenti. Le statue rappresentano Ruggero il Normanno, Federico II di Hohenstaufen, Carlo I d’Angiò, Alfonso I d’Aragona, Carlo V d’Asburgo, Carlo di Borbone, Gioacchino Murat e Vittorio Emanuele II di Savoia.

La piazza del Plebiscito incominciò ad assumere l’aspetto attuale solo nel 1809, quando, con l’abbattimento della chiesa e del convento di Santo Spirito, fu costruito il colonnato ad emiciclo che doveva essere il Foro murattiano. Con il ritorno di Ferdinando fu decisa la costruzione della chiesa di San Francesco di Paola, conservando, però, il già costruito colonnato. La chiesa fu costruita per adempiere ad un voto fatto da Ferdinando di Borbone dopo il suo ritorno dall’esilio di Palermo nel 1815. Il progetto della basilica è dovuto all’architetto Pietro Bianchi che disegnò un interno a pianta circolare, su cui si eleva una imponente cupola alta 53 metri, ad imitazione di quella del Pantheon.

Accanto a Piazza del Plebiscito, simbolo della città di Napoli, sorge il tempio lirico italiano, con una data di nascita che anticipa di 41 anni la Scala di Milano e di 55 la Fenice di Venezia. Il Teatro di San Carlo è stato costruito nel 1737, per volontà del Re Carlo III di Borbone fortemente intenzionato a dare alla città un nuovo teatro che rappresentasse il potere regio. Il progetto è affidato all’architetto Giovanni Antonio Medrano, Colonnello Brigadiere spagnolo di stanza a Napoli, e ad Angelo Carasale, già direttore del San Bartolomeo, il quale completa la “real fabrica” in circa otto mesi con una spesa di 75 mila ducati. Il disegno di Medrano prevedeva una sala lunga 28,6 metri e larga 22,5 metri, con 184 palchi, compresi quelli di proscenio, disposti in sei ordini, più un palco reale capace di ospitare dieci persone, per un totale di 1379 posti.

Tappe del tour Napoli Monumentale:

  • Borgo Marinari
  • Castel dell’Ovo
  • Piazza del Plebiscito
  • Palazzo Reale
  • Teatro San Carlo
  • Galleria Umberto I
  • Maschio Angioino

Richiedi la guida

Castel dell'Ovo

Castel dell’Ovo